In Breve benefici ed effetti collaterali nel Dettaglio dati che quantificano i benefici, sintomi a cui prestare attenzione per Approfondire la qualità dei dati e degli studi da cui sono presi

Cosa succede alle persone con sclerosi multipla recidivante e remittente che prendono l’interferone (Avonex®, Betaferon®, Rebif®)?

Hanno meno probabilità di avere ricadute e meno probabilità di avere una progressione di disabilità fisica causata da ricadute per i primi due anni di trattamento, rispetto alle persone che non assumono l’interferone. Questi benefici si riferiscono a due anni di trattamento perché gli studi da cui sono tratti non hanno considerato periodi più lunghi. Questi farmaci non migliorano i sintomi già presenti, ma possono evitare ricadute o progressione di disabilità future. Assumere l’interferone può portare a effetti collaterali. Tra i più comuni effetti collaterali: reazioni cutanee nella sede di iniezione del farmaco, sintomi simil influenzali.

Quando viene sospeso?

In caso di effetti collaterali non tollerabili e in caso non funzioni.

Cosa si sa con certezza: i benefici dell’interferone a due anni dall’inizio del trattamento, valutati in una revisione sistematica.

Cosa si sa con meno certezza:

Cosa è l'interferone? Gli interferoni beta (Avonex®, Betaferon®, Rebif®) usati per la sclerosi multipla sono proteine prodotte dal corpo umano che aiutano a combattere infezioni virali e a regolare il sistema immunitario. Nel dettaglio >> Da dove sono prese le informazioni sui benefici? Da una revisione sistematica Cochrane Interferon in relapsing-remitting multiple sclerosis. Cochrane Database of Systematic Reviews 2001, Issue 4. Nel dettaglio >>

Da dove sono prese le informazioni sugli effetti collaterali? A partire dalle schede informative sui farmaci prodotte dall’European Medicines Agency (EMA) - Agenzia europea del farmaco, e dai dati della banca dati statunitense Micromedex. Nel dettaglio >>

Per scambiarsi consigli o esperienze sui disturbi che possono dare i farmaci nella vita di ogni giorno molte persone si rivolgono a blog o forum. Per chi naviga internet è utile saper valutare la qualità dell'informazione.
Leggi tutto >>
Le informazioni e le conoscenze che derivano dagli studi non sono tutte uguali alcune portano a risultati certi, altre lasciano aperti ambiti di incertezza.
Leggi tutto >>
Purtroppo ho preso atto abbastanza rapidamente di non avere molta scelta, di non poter evitare il farmaco. Tra quelli proposti ho cercato di capire quale potesse avere un impatto minore sulla mia quotidianità, in termini di frequenza della somministrazione, effetti collaterali (febbre più o menonon forte), ecc. Alla fine però ho seguito il consiglio del neurologo, che riteneva l’interferone più facilmente modulabile nel dosaggio.
Leggi tutto >>
Cosa può essere utile chiedere al neurologo durante la visita? Leggi tutto >>
Dove vanno fatte le iniezioni? E con quale frequenza? Leggi tutto >>