In Breve benefici ed effetti collaterali nel Dettaglio dati che quantificano i benefici, sintomi a cui prestare attenzione per Approfondire la qualità dei dati e degli studi da cui sono presi

IN PRATICA

[<< back] IN PRATICA

 Dove vanno fatte le iniezioni e con quale frequenza?

In genere, le persone con sclerosi multipla si iniettano da sole l’interferone, anche grazie all’uso di auto-iniettori. A seconda del tipo di interferone cambiano la sede di iniezione e la frequenza: iniezioni intramuscolo una volta alla settimana (Avonex©), oppure iniezioni sottocutanee (Rebif©, Betaferon©) tre volte alla settimana, oppure a giorni alterni.

[<< back] IN PRATICA

  Come si conserva l'interferone?

Avonex©: deve essere conservato in frigorifero (2°C-8°C) lontano dalla griglia refrigerante. Non va congelato. Può essere conservato a temperatura ambiente (tra 15°C e 30°C) per un periodo di massimo 7 giorni. Deve essere conservato nella confezione originale (vaschetta di plastica sigillata) per proteggere il medicinale dalla luce. Non va utilizzato dopo la data di scadenza. Fonte: European Medicines Agency (EMA), ente preposto a concedere l’autorizzazione per l’immissione sul mercato di nuovi farmaci in Europa.

Rebif©: deve essere conservato in frigorifero (2°C-8°C) lontano dalla griglia refrigerante. Non va congelato. Deve essere conservato nella confezione originale per proteggere il medicinale dalla luce. Può essere conservato in uso fuori dal frigorifero a una temperatura inferiore o uguale a 25°C per una sola volta per un periodo della durata massima di 14 giorni. Successivamente deve essere riposto nuovamente nel frigorifero e utilizzato prima della data di scadenza.
Fonte: European Medicines Agency (EMA), ente preposto a concedere l’autorizzazione per l’immissione sul mercato di nuovi farmaci in Europa.

Betaferon©: deve essere conservato in frigorifero (2°C-8°C) lontano dalla griglia refrigerante. Non va congelato. Deve essere conservato nella confezione originale per proteggere il medicinale dalla luce. Fonte: European Medicines Agency (EMA), ente preposto a concedere l’autorizzazione per l’immissione sul mercato di nuovi farmaci in Europa.

[<< back] IN PRATICA

 Come si puo' trasportare durante un viaggio in aereo?

Il trasporto di farmaci nel bagaglio a mano è autorizzato solitamente per piccoli quantitativi e per uso personale, e deve essere accompagnato da una certificazione recente (datata al massimo 30 giorni prima della partenza) del medico curante o dello specialista. Se si viaggia all’estero, è utile tradurre il certificato nella lingua del Paese di interesse. Il trasporto di aghi e siringhe per uso medico è ammesso di solito a condizione che la protezione dell'ago sia integra e che i medicinali siano nel loro involucro originale.

La certificazione medica deve essere presentata al check -in o ai controlli di sicurezza.

Può essere utile avvisare per tempo la compagnia aerea e il servizio di sicurezza per evitare inconvenienti. Può capitare che le siringhe vengano ritirate dall’equipaggio al momento dell’imbarco e riconsegnate all’arrivo invece di essere ammesse come bagaglio a mano.